mercoledì 20 febbraio 2019

Visto da "fuori"...

...il punto da mettere a tema è proprio quello delle "libertà naturali" (o degli arbitrii, se non si veda la libertà come assoluta), squilibrati tra uomo e donna. In effetti non è del tutto comprensibile razionalmente, se non "sminuendo" la riflessione sulla dignità umana ad un livello di bassissimo fenomenismo, perché l'uomo sarebbe della donna nei rapporti "più libero". E' solo enfatizzando con mala retorica la produzione di latte da parte della seconda, ed invece la mancanza di un corrispondente fenomeno nel donno (dunque non nei figli, che siano futuri liberi o meno) che si conclude erroneamente per la necessità del legame familiare per la donna, ossia che essa debba essere sposata necessariamente con un uomo - alcuni direbbero: "meglio: vir" -, e per tutta la vita. Sul tema della maggior libertà dell'uomo nel matrimonio, e che questo debba essere vita natural durante qui s'è gia scritto criticando negativamente quanto espresso da Georg Wilhelm Friedrich Hegel in Lineamenti di filosofia del diritto. Aggiungi di seguito in spregio che quanto sopra testimonia piuttosto per una necessità del vincolo fondato fisicamente, naturalmente (avverbi "sinonimi") tra madre e figli e - soprattutto - all'inverso. La relazione tra due adulti è naturale ma non necessaria, e ciò da entrambi i lati; ancor meno è necessario per natura il matrimonio, istituzione giuridica; e quand'anche due esseri decidessero di stipulare il contratto, non sono in esso inclusi più doveri per la donna e meno per l'uomo, dato il rapporto totalmente reciproco: s'intende per la sua durata - attenzione - temporanea, fino certo alla possibilità che esso giunga fino al termine della vita di uno dei due.

martedì 19 febbraio 2019

Per più precisione...

...l'uomo singolo è libero, ma non è nato per un suo atto libero (è d'altronde questa, pare, la definizione di libertà), bensì per quello di altri: certo, questo non toglie la sua individualità, che è il fondamento dell'essere libero in quanto Unico distinto dagli altri. Ciò in senso naturale. Peccato che noi viviamo condizionati dal senso sociale - o meglio, organizzativo -, che è esattamente il fatto il quale, pur favorendo la sopravvivenza di ciascuno, lo pone "in catene".

lunedì 18 febbraio 2019

L'entusiasmo di certa...

..."Spagna", ed il biasimo rivolto da taluna parte dell'Italia all'attuale governo, per l'entrata del paese iberico nel "patto di Aquisgrana", città che solo alcuni giorni fa si auspicò qui non venisse usata simbolicamente dai due "paesi - guida" dell'Unione Europea, dato il nesso illiberale - ossia cesarista - della sua storia passata. Ciò che entrambi gli atteggiamenti fanno mostra di non comprendere ma che dovrebbe essere compreso, è che la Spagna in un accordo del genere sarebbe solo "al séguito".

Il futuro...

...maneggiabile in effetto è tale perché non è più futuro, ma presente (certo, nella sua assoluta puntualità vanente in modo immediato).

sabato 16 febbraio 2019

Sulla "esportazione della democrazia"...

...un testo di Sir James Steuart, ossia An inquiry Into the Principles of Political Oeconomy: Being an essay on the science of domestic policy in free nations etc., pag. 10, righe 13 - 6: "Freedom itself, imposed upon a | people groaning under the greatest slavery, will not | make them happy, unless it is made to undergo certain | modification, relative to their established habits". Cui tuttavia una certa misura di modifica bisogna pur che arrivino. Il più grosso rischio è che il liberatore s'installi troppo a lungo nel paese liberato sfruttandone eccessivamente le risorse e reagendo illiberalmente alle istanze di recupero della giurisdizione "usque ad caelum et ad inferos" dello stato "liberato", con tutte le conseguenze, che alcuni potrebbero ritenere legittime (fino ad applicare la sostanza reale del principio di autodeterminazione dei popoli, ossia degli stati?).

venerdì 15 febbraio 2019

Da un testo risorgimentale di metà XIX secolo.

"Imperciocché la prima [questione], quella dei sali, andava congiunta con [meglio sarebbe stato a] quella della strada ferrata tra Genova e Costanza; ed era vitale per l'alto commercio, i produtti del quale scendono per la maggior parte nelle borse dell'aristocrazia. E la seconda, quella dei vini, interessava pure al sommo grado i proprietarj".

giovedì 14 febbraio 2019

D'un dubbio.

Non bisognerà almeno in senso metodologico distinguere tra "desiderio naturale" od istinto e "desiderio sociale", "forma sociale del desiderio naturale"?