mercoledì 25 settembre 2013

Minima philoso - logi - (ph)ica (Della tradizione II).

Leggere Gorres ed altri discepoli di Schelling; leggere Engels, Kautsky, Plechanov, Eduard Bernstein; Maine de Biran e Melchiorre Gioia: senza i minori ed i minimi (per chi?) non si capiranno i grandi, anche perché nella maggior parte dei casi sono i minori ed i minimi quelli che difendono i grandi e coloro che, a loro modo proficuamente per chi li segue, li "travisano", (tra-)passati o meno, e quindi anche quelli contro cui, perlopiù, definiscono il proprio essere oltre i nuovi grandi.

Nessun commento:

Posta un commento