martedì 8 ottobre 2013

Come funziona l'elideism​o.

Essendo esso essenzialmente critica, funziona con il controllo.
Per esempio, quando Hegel mostra di non condividere le posizioni di Newton, la reazione elideistica è una reazione filologica: leggere l'opera di Newton citata.
Nei limiti del possibile ci si giova dell'estensione del metodo dalla filologia "originale" alla filologia dei testi a stampa, cioé non si legge solamente una copia dell'ultima edizione disponibile nella lingua nostra, ma si cerca di risalire alla princeps originale, e di essa, (filologia dei testi a stampa, appunto) se risalente a prima dell'invenzioni di Firmin Didot, a quanti più esemplari possibili; se l'opera è stata successivamente rivista dall'autore ci si confronta colle ulteriori versioni per seguire gli sviluppi (o, se si è incontrata l'opera in una forma recenziore, si risale alle precedenti); quando si è individuata la tradizione "esterna" in cui l'opera si inserisce, la si percorre a monte ed a valle (opere "originali" e commenti), come delle sue fonti e dei suoi avversari, cercando di capire come interpretavano la questione, quali erano le somiglianze e quali le differenze. Si scarta l'idea che l'appartenenza di più di un pensatore
 ad un movimento significhi che tutti i suoi appartenenti la pensino allo stesso modo su ogni minima parte di una questione.
. Il fondamento del metodo si potrebbe dire che è la presa d'atto della molteplicità del fenomeno, e che il fenomeno viene interpretato, se pure la definizione non è completa.

Nessun commento:

Posta un commento