lunedì 7 ottobre 2013

Sempre avanti

Guardare sempre avanti.
Gli occhi fermi sull'ultimo obiettivo intellettuale fissato, e per il resto la vista di un cavallo (caballus= da tiro, da fatica; equus= da sfilata, da battaglia, da corsa) i bulbi oculari aiutati dai paraocchi a compiere ciò che ci si è posti come traguardo.
D'altronde, se si è sempre fatto così, avendo rapidamente appreso i propri limiti, sarebbe come se una persona con venti partite di scacchi giocate alle spalle per diletto pretendesse di disputare i campionati nazionali russi: andrebbe incontro ad una trasecolante sequela di memorabili dolorose sconfitte.

Nessun commento:

Posta un commento