lunedì 11 maggio 2015

Sull'uniformità dei temi.

E del modo di trattarli. Mettiamo qui in fila alcune battute di uno scritto di critica letteraria: "E' curioso che gli undici scrittori, che certo non si sono messi d'accordo prima, si muovano sulla stessa linea. I curatori parlano di una 'inaspettata comunione' ". Viene da sorridere. Questa "coincidenza fatale" ha un motivo semplice, molto semplice. Si chiama: gusto dei curatori.

Nessun commento:

Posta un commento