martedì 20 ottobre 2015

Questo linguaggio.

I tre primi canti del Dandolo II 15, 5 - 8: "Sono queste reliquie, in cui discerni / di perduta virtù falsa mercede, / del culto infido empie memorie, e vani / di mendace poter segni profani". Cambiate lingua, il tono di quello che insulta le credenze altrui sulla base di una certezza che è una speranza, una scommessa, difficilmente mancherà.

Nessun commento:

Posta un commento