martedì 24 novembre 2015

Della traduzione e della certezza.

Si legge espressa la convinzione che le scienze sperimentali debbano classificare la molteplicità dei fenomeni e, soprattutto, manifestarne l'ordine. Rimane l’elideista dell'idea che possano tentare di spiegarne in parte l'ordine, o meglio, razionalizzare a posteriori, semplificando, la molteplicità dei fenomeni. Come quando, in una traduzione del De oratore di Cicerone, il traduttore rende la frase per principio più recisa ed in aggiunta, oblitera gli indefiniti.

Nessun commento:

Posta un commento