giovedì 12 novembre 2015

D'un adagio popolare italico II.

L'esortazione che si può udire spesso in luoghi d'Italia: "Parla come mangi" sembra negare completamente la teoria del costume attorno cui si sono affannati per secoli con pii sudori falangi di teorici, essendo che la sentenza, cioè il modo d'esprimersi che "tradisce" la formazione - gli studi, l'impiego - del personaggio (modo d'esporre, terminologia etc.) ne è un pilastro. Si tende in effetti - così parrebbe - in primo luogo a parlare anche nella comune conversazione degli argomenti che ci impegnano quotidianamente, ed a dimenticare ogni tanto, nel farlo, di astenerci da quei termini tecnici che mastichiamo e rimastichiamo costantemente; perciò, risulterà naturale a volte contraddire l'esortazione di cui sopra. Quanto appena sovrascritto apparirà in contraddizione con 1957: non lo è, se testardamente si fa quanto si è scelto; benché anche il volontariamente scelto metta a volte alla prova la nostra costanza.

Nessun commento:

Posta un commento