lunedì 15 febbraio 2016

Divisione delle parole.

Una delle basi della filologia. Giovanbattista Pescatore, La morte di Ruggiero XL xxvii, 1 - 2: "Perché d'intorno ventimila, e forse / più, d'albergar non gli eran tetti e case". Pare ovvio dividere diversamente la parola in terza sede del verso 1, che altrimenti farebbe pensare al numerale ventimila, e non essendo possibile che Pescatore intenda che attorno al castello da cui Astolfo sta uscendo non ci siano 'più di ventimila abitazioni': altrimenti il cavaliere che Astolfo incontra avrebbe dovuto condurre una lunghissima ricerca e sarebbe stato estremamente fortunato ad incontrare chi gli aveva sottratto l'armatura. Dunque, ha senso dividere: "Perché d'intorno venti mila, e forse / più, d'albergar non gli eran tetti e case"; ossia, che non c'erano case nel raggio di venti miglia dal luogo dove si erano scontrati, salvo il castello in cui Astolfo aveva trascorso la notte, sicché il cavaliere arrogante era giunto al luogo colla certezza di potersi vendicare. Perciò "mila" deve intendersi 'miglia', misura di distanza.

Nessun commento:

Posta un commento