lunedì 14 marzo 2016

Viste.

Se è corretto dire che i materiali utilizzati da un autore sono vari e che il peso relativo dei diversi elementi nella sua riflessione cambiano col passare del tempo - anche perché ciò che costruisce il pensiero, il confronto e scontro colle idee altrui, avviene lungo gli anni, e non istantaneamente - meno corretto pare scrivere: "cogli occhi di Machiavelli e di Burckhardt". Certo, all'inizio dello sviluppo del pensiero di un intellettuale - figura che secondo alcuni è oggi scomparsa, ma che riterrei piuttosto, in certi climi, umiliata - i suoi punti di riferimento appariranno quasi intatti; ma sempre più essi risulteranno col procedere del tempo rivisti dai vari apporti confluiti e ricostruiti dall'individuo, quindi si dovrà parlare di singolare interpretazione di Machiavelli e di Burckhardt, rimanendo all'esempio: la quale poi muta. Dunque, viste.

Nessun commento:

Posta un commento