mercoledì 13 aprile 2016

Ciò ch'importa.

Panfilo de' Renaldini, Innamoramento di Ruggeretto XLVI lxxxiv, 7 - 8: "per te quel che ti par meglio pigliando, / e 'l peggio adietro a cui ti par lasciando". Si noti: "a cui ti par lasciando". Si potrebbe dire che non è affatto necessario cancellare quel che non gradiamo, od anche disprezziamo, ma che possiamo lasciarlo al cattivo gusto degli altri, che tanto l'apprezza.

Nessun commento:

Posta un commento