giovedì 14 aprile 2016

Ordunque...

...è bene non saper nulla, o meglio saper imperfettamente qualcosa - essendo le perfezioni relative -, il meno imperfettamente possibile concesso dalla perenne mutabilità?

Nessun commento:

Posta un commento