lunedì 30 maggio 2016

Fede.

Giulio Strozzi, La Venezia edificata X 44, 3 - 4: "e sprezzando la Fé candida e bella, / a nozze tali abbia il pensier ritroso". La Fé che non aveva data ella, ma un altro. Come da diritto canonico, colle parole del Giangiorgio (Trissino): "[...] 'l matrimonio libero esser deve" (Italia liberata da' gotti VI, 627).

Nessun commento:

Posta un commento