mercoledì 25 maggio 2016

Subitaneità.

Mario Reitani Spatafora, Il Rogiero in Sicilia XX 18, 1 - 2: "Salse ella sopra, e con la mano atroce, / simulato piegò l'ondante briglia". Non si tratta di un errore di genere grammaticale: Qui la Furia subitaneamente si sostituisce all'auriga, abbattendolo dal carro e prendendone la figura ed il posto in modo così veloce che un attimo prima è sé stessa, ed un attimo dopo già ha l'aspetto di chi guidava il carro: di chi guida il carro. A proposito di realtà e finzione.

Nessun commento:

Posta un commento