giovedì 28 luglio 2016

Fiesole distrutta VI 8, 1 - 4.

O delle questioni di dettaglio. Un esempio di lettura e conseguente domanda: "Qui si cacciar, qui la mia donna ascosa / fu da costor, qui corsi audace anch'io, / me ne l'entrar di lei, trovai ritrosa / sfinge, cui fece il correr mio restio". E' ovvio - nei limiti in cui si ammette in ricerca l'ovvietà, cioè tendenzialmente mai - che Qui [...] qui [...] / [...]qui [...] di 1 e 2 (labiovelare + i) è allocazione motivata dall'anafora, dall'intento d'uso dell'anafora; ma, arrivati a 4, per l'uso di "cui" si possono dare due spiegazioni, poiché nulla impediva di usare "che": a) ribadire il particolare tono cupo del verso coll'abbondanza di -u-, -o-, -o; b) cui è consonante velare + vocale velare + i, il che avvicina l'articolazione labiovelare + i che si vuole approssimare ma non ripetere. Si noti anche qui due volte in 1; una in 2; nessuna in 3; comparsa quindi di cui dopo il "vuoto" a 4. Far problema di ciò che molti altri neppure guardano: il che rallenta decisamente la pubblicazione.

Nessun commento:

Posta un commento