mercoledì 6 luglio 2016

Per paradosso.

Anche parlare "senza errori" la lingua ufficiale dello stato fra i cui cittadini si viene annoverati, od una delle lingue tutelate dalle leggi di quello stesso stato, è praticamente - in senso etimologico, non indebolito - impossibile. Esprimersi più o meno correttamente rispetto ad una "lingua ideale" è possibile: far vivere tal lingua ideale senza soluzione di continuità nell'espressione quotidiana individuale è uno dei tanti sogni irrealizzabili demandati dall'uomo trascendentale all'istruzione pubblica: lo sforzo d'essa è mantenere l'esercizio singolo il più vicino possibile a tale impossibile da concretare.

Nessun commento:

Posta un commento