sabato 27 agosto 2016

Sullo scrittore II.

Con tutte le esortazioni filosofico / religiose anche odierne a cancellare l'individuale "egoismo" in una qualche comunità, preferirei decisamente, in modo diciamo così arcaico, la perdita della voce dell'autore, il vanire dello stesso tutto autore nell'opera.

Nessun commento:

Posta un commento