lunedì 5 settembre 2016

La babele (Biblioteca di Babele IV).

La molteplicità ineliminabile delle lingue e dei linguaggi umani è certo una difficoltà; ma pure un pregio. Almeno dovrebbe esserlo, mostrando che nulla e nessuno rimane immobile e che ogni supposta unità si spezzerà in una ulteriore frammentazione: in tale frammentazione andrà perduta una parte della ricchezza del temporaneo e parziale "tutto" ed ogni parte guadagnerà una propria ricchezza parzialmente sconosciuta all'unità precedente ed a ciascuno degli altri frammenti. Ineliminabile ed inestimabile.

Nessun commento:

Posta un commento