giovedì 15 settembre 2016

Rifiutare.

Rigettare un sintagma, come mi càpita di leggere al momento, solo poiché per un limitato lasso di tempo è stato utilizzato contro una specifica corrente di pensiero od un popolo oppure una religione, da un altro popolo o religione o quant'altro, ai miei occhi fa difficoltà. Per quanto l'ideologia possa essere stata nel suo pensiero orribile; persino se sia stata nei fatti mostruosa, mi tocca ribadire un fondamento: le parole sono innocenti. La mia reazione in questi casi è apertamente provocatoria: userò quella parola o quelle parole appositamente, onde indicare tale innocenza, per ribellarmi all'incarcerazione di un verbo immacolato in una colpa non sua.

Nessun commento:

Posta un commento