domenica 18 dicembre 2016

Prezioso II.

Tornare ad un tema "vecchio". Estratto: "Questa volta il patrimonio finito all'asta a Milano [...] comprendeva trentasei manoscritti di Giovanni Verga, insieme con centinaia di lettere autografe, bozze, disegni ed appunti [...] Valore complessivo quattro milioni di euro". Non che io sia un fanatico, un adoratore, un evangelista verghiano; ma le carte che non siano pura "argenteria" oleografica secondo lo schizzo di Pagine sono un patrimonio nazionale, per definizione inestimabile.

Nessun commento:

Posta un commento