mercoledì 29 marzo 2017

Più chiaro (Ulrich Beck Dante e Mozart II).

L'Italia romana di Dante è un'Italia radice della "romanità" del Sacro Romano Impero Germanico. E' una terra che potrebbe anche candidarsi ad ospitare a Roma la capitale di un Impero Romano ormai senza alcun dubbio cristiano, e che anzi ne sarebbe la sede naturale: L'Italia donna di province autorizzerebbe però, proprio in base alla storia dell'Impero, la collocazione della capitale anche a Milano e Ravenna (paradossalmente, Pavia, in quanto capitale del Regno d'Italia parte del Sacro impero germanico?). Dante non descrive un'Italia separata dalla parte germanica dell'impero ancora giuridicamente esistente; anzi reclama la presenza dell'imperatore tedesco in Italia: quell'Imperatore che ad un certo punto del susseguirsi cerimoniale delle investiture viene chiamato "Re dei Romani". L'Italia romana di Dante può essere un'Italia prevalente; non è un'Italia indipendente.

Nessun commento:

Posta un commento