lunedì 3 aprile 2017

Conoscenza.

Nell'attuale società d'Occidente (Impero romano d'Occidente? Con tutto ciò che implica il raffronto colla storia romana?) delle competenze parcellizzate, con una tendenza ulteriore alla frammentazione, càpita di ascoltare un'intervista in cui una persona esorta il pubblico che non vede ad affidarsi ad un'unica categoria professionale onde sapere quali siano i fatti e quali no: la stessa categoria che vorrebbe presentarsi quale alfiere del pensiero critico. Ebbene, il pensiero critico è proprio quello che non si affida né ad una persona né ad una categoria per stabilire quali fatti siano veri, ma al confronto del maggior numero di fonti accessibili pensando (cioè soppesando) il più possibile da sé.

Nessun commento:

Posta un commento