venerdì 28 aprile 2017

Gradus.

Esso si è il passo. Trasgredire è dunque andare oltre il passo, la misura naturale dell'avanzamento. Proverbio italico: "Fare il passo più lungo della gamba". L'unico passo che non può non essere compiuto è quello della morte fisica, che la specie umana ha in comune colle piante e cogli animali (e che quindi non è proprio, esattamente per questo motivo, dell'uomo, fin quantomeno da Aristotele: Et. Nic. I 13 1102b 2 - 3). L'Aldilà è dunque quel luogo ove sono corretti gli errori che l'uomo addossa alla Fortuna quando non può farne carico alla prevaricazione, alla superiore forza di un altro uomo: ma soprattutto è il luogo in cui egli trova l'approdo che lo sottrae all'inevitabile; dove, mosso il passo più spaventoso, trasgredendo oltre la natura perché "solamente è quello, che secondo l'arbitrio della volontà propria, per quel sentiero che più gli piace può guidar la vita sua" (Nicolò Granucci, Dedicatoria de L'eremita, la carcere, e 'l diporto) si "volge all'acqua perigliosa e guata", emendando il più grande "errore" della natura, quale che sia la situazione in vista sulla piaggia. Perciò, con un'altra vita, può condursi a suo modo, o semplicemente vivere.

Nessun commento:

Posta un commento