venerdì 14 aprile 2017

Grecamente.

Non essendovi il nulla; o quantomeno, non potendosi nel mondo sublunare (come lo chiamarono certuni, per esempio Pietro Comestore nell'Historia scholastica, ma ancor prima S. Agostino nelle Enarrationes in Psalmos) operare sul nulla, ogni arte ossia tecnica lavora su qualcosa che lo precede, elaborandolo. Potremmo dire con Castelvetro che l'artista è tanto più artista quanto maggiore è la difficoltà che risolve nella sua opera. Il che non vuol però dire che il risultato si presenta semplice.

Nessun commento:

Posta un commento