lunedì 12 giugno 2017

Andiamo...

...alla radice, torniamoci, poiché non è la prima volta che qui si affronta il tema: nessuno stato ha un diritto inalienabile ad occupare uno spazio territoriale, poiché nessuna "nazione" è, può dirsi aborigena di un luogo, di esser nata colla formazione di quella terra, di essere una creatura ctonia, autoctona. Quello di popolo è un concetto solo lievemente più "legittimo" di quello di natio: il popolo è una "massa" mutevole, storico - politica; la nazione, il far parte uno specifico individuo di quella scelta parte del popolo che possa vantare di avere antenati ch'hanno visto la luce in quel luogo da talmente tante generazioni che non si possa dire siano state prima in altro luogo, è un impossibile (neutro): persino le generazioni delle piante mutano sito.

Nessun commento:

Posta un commento