lunedì 5 giugno 2017

Condividere.

Condividere la morte con qualche morente, da vivi non è possibile - e neppure da morti, in un certo quadro di pensiero -; né meno si può da agonizzanti presso ad un altro, "come" lui: nostra rimane la sensazione d'essa, se lo stato in cui ci troviamo permette d'averla. Compatire la morte altrui si può; seppure, appunto, non allo stesso suo modo. Dunque l'incapacità di condividere la morte è costitutiva di qualsiasi cultura, e non peculiare di una civiltà occidentale anestetica, nonostante rimbrotti moralisteggianti da colonnette di quotidiano.

Nessun commento:

Posta un commento