venerdì 30 giugno 2017

La cultura...

...non è un sistema di idee - e cioè "immagini" -. Qualcuno oltre a ciò afferma, o meglio opina (ma intendendo proporre l'opinione come affermazione) che il sostantivo del titolo, calato nella fenomenica storia / cronaca dell'agire quotidiano, fornisca all'uomo singolo ed a quello collettivo, inteso che per la sua cultura, sostiene, l'uomo è unicamente collettivo non solo in rapporto agli altri umani (che vi sia un lato necessariamente collettivo del primate umano non si nega, ma bisogna vedere come viene usato tale collettivismo nel condizionare il singolo), la rete - la griglia, per rimaner pesce, ovvero lo schema - dei doveri suoi e degli obblighi da esplicare in società, (piuttosto che, riduttivamente intesi, verso la famiglia), al variare dei luoghi e dei tempi. Non è esatto, dall'angolo visuale elideistico, in primo luogo dire che la cultura forma e guida quanto sopra: la cultura è l'insieme di comportamenti, di tradizioni, di divieti e della pluralità per quanto ridotta di libertà, e tutto quanto si possa pensare. Tra l'altro, come sempre, la cultura indù - e poi bisognerebbe vedere quale cultura indù - e quella indiana non sono affatto la medesima cosa.

Nessun commento:

Posta un commento