lunedì 17 luglio 2017

Poiché...

...qualcuno annotava l'ennui che lo prendeva all'incontro con la scrittura "trita", al sentire i tentativi di spiegarla e persin di descriverla, dell'esperienza fatta alle volte della "noiosa" descrizione di una descrizione, verrebbe voglia di sostituire, proseguendo a leggere tal critico, il sintagma, che elegantemente usa più avanti "sensazione vertiginosa" con quello "sensazione verticale": così, solo per eliminare quel senso che ti prende in genere, allorché sei un lettore anoressico, nell'incontrare cogl'occhi la prima espressione, ossia senso di previsto, di scontato. Di trito. Ossessione postromantica del mai visto prima. Impossibile da concretizzare.

Nessun commento:

Posta un commento