domenica 27 agosto 2017

Homerusne?

Se leggiamo l'esordio del quindicesimo capitolo del primo libro delle Annotationum libri duo di Francesco Robortello, ci viene il sospetto che Erasmo da Rotterdam fosse considerato un alter Homerus. Qui: "Erasmus vir doctissimus, si illius opera legas, ita alicubi videbitur dormitasset". A chi abbia un minimo di cultura sorge alla mente: aliquando dormitat Homerus, citazione parziale del buon Orazio (Ars poetica 359), che l'udinese conosceva talmente bene da esagerare forse la coincidenza delle venosine idee sulla poetica con quelle di Aristotele. In conclusione però, se ne ricava anche come Erasmo potesse sembrare un nuovo Omero, a modo suo.

Nessun commento:

Posta un commento