mercoledì 25 ottobre 2017

Ci sono attese...

...le cui intenzioni sono genuinamente innocue, ed altre che si preparano a forzare la volontà del differente individuo: poiché però le interpretazioni della prossemica di un'altra persona sono per i più disparati motivi soggettive, può benissimo darsi che un comportamento il quale vorrebbe saldamente afferrato quale di primo tipo, sia letto dall'opposto nel turbine degli eventi come di secondo; ed uno ascrivibile al secondo nell'irrefrenabile susseguirsi degli accidenti venga visto come di primo.

Nessun commento:

Posta un commento