mercoledì 29 novembre 2017

La "convivenza",

muoversi cioè nella struttura sociale, è la cosa più terrorizzante che esista al mondo, perché basta un gesto minimo interpretato negativamente per farla precipitare negli abissi dell'assenza, o peggio, della ferocia cruenta.

Nessun commento:

Posta un commento