domenica 19 novembre 2017

Le precedenze...

...son precedenze; per esempio, se proprio non si vuol definire i cosiddetti nativi americani (che in realtà pare si siano stanziati nel continente oggi chiamato America, e che termina come terre emerse a Capo Horn, circa dodicimila anni fa, e dunque pure essi non sono aborigeni od autoctoni) americani, ma tali si vogliono considerare solo gli esseri umani di origine europea abitantivi, dobbiamo esaminare bene la questione. Ora, il primo stato europeo a sistemare coloni in America (nome che celebra lo scopritore fiorentino del Brasile per conto della corona di Portogallo, Amerigo Vespucci) pare sia stata la Spagna, che aveva insediamenti nelle isole caraibiche agli inizi del XVI secolo, mentre i Padri Pellegrini sbarcarono dal Mayflower nel 1626; conclusione: qualsiasi iberoamericano che possa vantare antenati giunti nei possedimenti delle due corone prima del 1626 può dirsi a piena ragione americano: tanto più di qualunque statunitense che derivi la propria origine dai Padri Pellegrini, quanto più antico è lo stanziamento della sua famiglia sul continente. Questo se proprio si vuole escludere dall'uso del geonimo chi più sarebbe legittimato - ferma la pratica attuale - ad utilizzarlo. Aggettivo più corretto per definire in breve una persona abitante negli Stati Uniti d'America e cittadino dello stato federale in questione sarebbe statunitense, estadounidense (d'America, de America), come esemplarmente si trova in italiano e spagnolo. L'aggettivo per una serie di motivi non esiste nella lingua degli statunitensi stessi.

Nessun commento:

Posta un commento