venerdì 17 novembre 2017

Se la fama...

...di un individuo è diffusa da altri nel silenzio (nella mutezza) del protagonista, ha forse maggiore speranza di sopravvivere rispetto al caso in cui il suo fondamento principale sia un'autobiografia. Questo almeno potrebbe indurre alcuni a credere il rifarsi ad un esempio particolare italiano per cui, dovendo trattare un argomento caro a molti, è più facile sia citato Don Giovanni, che Giacomo Casanova. E se fosse invece (quasi) tutto merito di Mozart e Da Ponte - di cui invero pochi parlano - in luogo di un titolo d'onore posto a fregio del nome di Tirso de Molina, Moliere e di altri meno noti (i quali sono di numero ben più che pochi: Onofrio Giliberto, Gazzaniga e Bertati etc.)?

Nessun commento:

Posta un commento