giovedì 14 dicembre 2017

Lo "stile"...

...non è solo parole, la questione non si riduce alla loro scelta. Coinvolge, per iniziare, la loro disposizione, a livello micro e macrostrutturale. Investe la discrezione e contemporaneamente la varietà, dato che i motti non hanno un solo luogo ma, anche limitandosi ad una rassegna "scolastica" delle tradizioni, plurimi. La difficoltà è riuscire a variare gli stili, magari cercando appositamente gli stridori, senza farsi dominare da una tradizione, che il testo si possa dividere troppo facilmente in blocchi, senza farsi schiacciare da una rigida teoria del costume etc. etc. etc. Difficile...

Nessun commento:

Posta un commento