sabato 24 febbraio 2018

La questione è tale:

I regìmi detti anche solo "autoritari" i quali, avendo in una cornice più ampia la parte di stabilizzatori per la loro area, cominciano piuttosto a turbarne di propria iniziativa troppe volte ed a distanza temporale eccessivamente ravvicinata fra le occasioni l'equilibrio, devono dal punto di vista dell'egemone degli altri di quest'ultimo alleati (sottomessi) essere riportati quanto prima entro i loro limiti di burattini locali, poiché il rischio implicato dalla eccessiva confidenza nel poter sempre varcare l'ultimo limite superato lo indurrà presto o tardi a provocare una crisi troppo grande. Per compiere ciò non è e non è stato obbligatorio usare eserciti (il problema del primo ministro britannico Chamberlain con un certo cancelliere di Weimar), sebbene le contromisure economiche siano di efficacia quasi nulla sulla struttura di governo.

Nessun commento:

Posta un commento