mercoledì 27 giugno 2018

Avrà pur...

...avuto ragione il buon Aristotele ad affermare (E.N. IX i 1164a) che Protagora lasciava che l'allievo fissasse il suo compenso perché, non essendo in grado, fissando lui il prezzo, di fornire un insegnamento all'altezza delle richieste, nessuno avrebbe dato loro il compenso richiesto. Tuttavia. Pare che con tale metodo, ben lungi dal non essere pagato affatto per i suoi insegnamenti essendo ritenuti essi inutili, Protagora riuscisse non solo a vivere, bensì persino vivesse negli agi.

Nessun commento:

Posta un commento