martedì 10 luglio 2018

Un certo...

..."sacrificio" della vita - che non è necessariamente arrivare ad una morte prematura per le convenzioni, ottenibile in un numero sovrabbondante di modi - è, anche nel servizio agli altri, amore per questi ultimi (e si vedano certe risonanze) o per i precetti ed i comandamenti di una fede, nella egoistica poi speranza di ottenere "oltre il mondo" quella felicità che tanti si lamentano di non trovare presumibilmente non a torto sopra il suolo e che invece taluni pii partono già dal presupposto di non ottenere come vorrebbero, ossia realizzando ogni loro capriccio?

Nessun commento:

Posta un commento