venerdì 31 agosto 2018

"Impegno egalitario".

Extravacanziero, ovviamente.

giovedì 30 agosto 2018

Che...

...Dio sia uno può anche essere, sebbene la pratica umana di governo abbia dimostrato che qualcosa può essere retto da più; che sia causa del bene, è assioma indimostrato; che, per corollario, esso sia causa unicamente del bene, è altrettanto indimostrato. Agostino, De diversis quaestionibus LXXXIII,iv.

mercoledì 29 agosto 2018

C'è un'eccessiva...

...tendenza a presupporre. Se un autore fa una determinata affermazione in un'opera, poiché può sempre cambiare idea, il lettore non è tenuto a ritenere implicita la costanza di quella in opere successive: verrà "confortato" dalla permanenza di un parere di fronte ad una sua riesposizione in forma diretta o di perifrasi (la formula della quale sarebbe gradevole fosse variata nel suo primo apparire entro il testo nuovo, per andare successivamente incontro a recupero sotto foggia diversa).

martedì 28 agosto 2018

Comunque, davvero...

...residenza di un individuo in uno stato - che un tempo poté essere forzata - e possesso da parte del primo della cittadinanza del secondo, non sono la stessa cosa. Che gli stati favoriscano la confusione, dato che oggi tassano entrambe le categorie, è certo comprensibile...

lunedì 27 agosto 2018

Ma se...

...Dio è - o gli dei sono - una finezza del diavolo (posto che per taluni gli dei altrui sono altrettanti diavoli quanti sono i loro nomi principali), non dovremmo noi ricavarne, come invece non accade, che quest'ultimo è in effetto un dio egli stesso, come d'altronde era, prima che una cultura vittoriosa lo rovesciasse dalla gloria degli altari giù nella polvere del disprezzo e dell'inferiorità sempre sconfitta? Parrebbe una questione di logica, se il formulatore non avesse l'accortezza di indicare che la parola è una metafora per le fallacie autopersuasive dell'uomo stesso, che lo ingannano (e quindi entra la questione se la logica sia poi una sola).

domenica 26 agosto 2018

Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio 1817...

...§§ 167 e 168. Il soggetto si determina opponendosi ad un oggetto di qualche tipo, che viene delimitato come Non - Sé, ossia Altro. Ma tale determinazione reciproca che realizza l'individualità è precedente alla riproduzione in una discendenza: quest'ultimo atto dunque non è necessario. L'unico risultato filosofico entro il sistema della riproduzione stessa è che attraverso di essa si rende possibile l'opposizione di un Io particolare a tutta una serie di oggetti. Così quel particolare Io realizza ulteriormente una idealità dell'opposizione Soggetto - Oggetto (il quale dal suo lato ideale è soggetto) che astrattamente di quel particolare non ha bisogno. Il § 288 col suo insistere sulla chiarezza che l'opposizione dell'animale - uomo compreso - al processo della Natura conferisce al suo essere soggetto (ed internamente Oggetto), non riesce ad implicare come necessaria al determinare il soggetto la sua riproduzione in discendenti, poiché esso può soggettivarsi ed oggettivarsi (come oggetto opposto ad altri soggetti) anche confrontandosi col frutto della riproduzione altrui. Ciò vale particolarmente per l'uomo che, non essendo bestia, può dominare gli appetiti, mentre la pianta non ha neppure questi ultimi. Proprio nell'uomo l'autocoscienza è pensata, razionalmente intuita, ossia riflessa.

sabato 25 agosto 2018

Ahinoi...

...i patti - che precedono i contratti, comunque sottoposti all'arbitrio - sono specie in politica internazionale "scritti sull'acqua". Dunque patti circa la non adesione di certi paesi alla Nato sono stati violati? Lo è stato anche l'accordo di non aggressione del 1932 tra Unione Sovietica e Polonia, solo sette anni dopo la stipula, pur se risulta un trattato in forma cartacea debitamente firmato e controfirmato. Accordo frutto di una guerra scaturita dal desiderio polacco di ristabilire i confini statali (non "nazionali") precedenti alla spartizione settecentesca tra Russia, Austria - Ungheria e Prussia.

venerdì 24 agosto 2018

Credere che...

...Dio fosse una finezza del diavolo, come sostiene qualcuno, non ci dovrebbe finalmente indurre a credere e sostenere dunque che quest'ultimo sia un dio, come d'altronde era, prima che la cultura vittoriosa nel Mediterraneo lo rovesciasse dalla gloria degli altari - o lo desse ad intendere - giù nella polvere del disprezzo e dell'inferiorità sempre sconfitta? Non sarà invece meglio una finezza dell'uomo?

giovedì 23 agosto 2018

Attenzione.

Sostenere che la maggior parte di coloro i quali affermano di essere molto competenti in un campo all'atto di una verifica si dimostrano i meno capaci vale esporsi all'obiezione per cui dunque ogni laureato, addottorato o specializzato è potenzialmente fra i meno capaci nel proprio campo, poiché lo sentiremo spesso dire di essere competente in esso.

martedì 21 agosto 2018

Se all'evocazione...

..."commossa" di certi martiri moderni della libertà a te viene in mente la Morte di Peregrino scritta da Luciano di Samosata, e dunque ti lasci accarezzare insistentemente dal dubbio.

lunedì 20 agosto 2018

Ossia si insiste (Del limite III)...

...sull'infinito immutabile contro il mutabile finito, dimenticando l'infinito mutare del finito.

domenica 19 agosto 2018

Siamo sempre...

...ciò che non siamo: di certo negli altri, dove siamo l'idea che hanno di noi. E poi noi stessi mutiamo incessantemente, e dunque in ciascun momento non siamo ciò che eravamo nel momento appena trascorso.

sabato 18 agosto 2018

Più che...

...dove cercare da leggere, che cosa e come leggere. O meglio: insegnare le basi di una lingua (più lingue è meglio, se si può cominciare per tempo: almeno tre, non la lingua propria e la lingua all'ultima moda soltanto); poi indicare dove cercare per dare maggiore ampiezza alla conoscenza.

venerdì 17 agosto 2018

Ossimoro fondamentale (del limite II).

L’infinitezza...di tutto il finito, anche singolarmente preso. Ad esempio perché ci sono due finiti in universale, senza star qui a riflettere a lungo sulla razionale infinità del singolo finito.

giovedì 16 agosto 2018

Si noti che...

...la definizione del capitale come 'something produced with a view to further production', non implica necessariamente vendita sul mercato: questa è unicamente presupposta.

lunedì 13 agosto 2018

Magari...

...l'hegelismo fosse stato, o fosse ora, antropoteismo. Di certo non è tale, non per quel che riguarda il singolo individuo, poiché esso in conclusione risulta sottomesso allo Stato ed a tutte quelle istituzioni che nella temporaneità più o meno accentuata si presentano stabili, come il matrimonio, il quale viene presentato come necessariamente monogamico ed obbligatoriamente fino a morte.

"Tu...

... Sei il mio cuorecervello", per esempio.

sabato 11 agosto 2018

El ethos...

...el mos, el costumbre se define primeramente como deber? Y en segundo lugar como derecho?

venerdì 10 agosto 2018

Ed in primo luogo:

"Ciò che è dettagliato non è rapido, al più mosso; o, rovesciando, ciò che si vuol dire ovvero scrivere in foggia rapida non è stilisticamente dettagliato". Fate prima ad ignorare in una "narrazione" le parti che si dedicano ai dettagli, che comunque ritenete "inutilmente lunghe".

giovedì 9 agosto 2018

Qualcosa dalle fonti...

An Inquiry Into the Nature and Causes of the Wealth of Nations, Volume 2, book IV, inizio: "Political oeconomy, considered as a branch of the science of the statesman or legislator, proposes two distincts objects; first, to provide a plentiful revenue or subsistence for the people".

Il matrimonio...

...nella democrazia occidentale moderna è il libero assenso di due volontà equivalenti a condurre la vita insieme finché permangono gli individui adatti l'uno all'altro. Se nella maggior parte dei casi ciò porta alla generazione, il libero contratto matrimoniale rimane una via attraverso la quale viene assicurata la continuazione della specie; non un dovere cui i singoli sono obbligati e nel quale si esaurisce uno dei loro pochi fini "veri" (l'altro, sostanzialmente uno, sarebbe, in certi quadri ideali, produrre e pagare i tributi per il superiore bene di uno stato che quasi sempre si presenta come Lo Stato).

mercoledì 8 agosto 2018

Siamo tutti...

...una grande famiglia umana; tuttavia anche "solo" più miti ci chiariscono che pure nelle famiglie ci si uccide o "quasi" (Osiride, Abele, Crono ed i suoi figli, per fare i primi esempi che rammento). Si tratta di un equilibrio ondeggiante e più che fragile già a quel livello più prossimo per ciascuno.

lunedì 6 agosto 2018

Il buon elideista...

...studia per imparare. Meglio: studia per farsi un'idea circa un argomento umano (perché tutti gli argomenti dell'uomo lo riguardano: Terentius novus, umanesimo integrale) e poi esprimerla senza imporla (Peithò, retorica "buona", democrazia).

domenica 5 agosto 2018

Tuttavia...

...limitarsi ad esaminare la versione di un solo testimone per "analizzare" un carattere non è metodologicamente corretto.

venerdì 3 agosto 2018

Si son (Che l'amor II)...

...descritte dipoi le qualità di persone ch'esserne afflitte ponno, teorie su come sanarle avanzando puranco per distesi trattati scientifici, in prosa per dir, non in versi. E s'intende ciò che in ciascuna epoca era tenuta scienza, per quanto l'elideismo abbia una sua definizione.

mercoledì 1 agosto 2018

Che cos'è l'elideismo.

E' la lotta per il recupero di una dignità del sin[g]olo precedente alle relazioni sociali, alla sembra necessaria moralità del matrimonio (ricordare però come è stato definito l'egometismo, prima di darsi ai brindisi) e del giudizioso accoppiamento, precedente al lavoro alla produttività ed al reddito monetario (soltanto, oramai, benché smaterializzato), per Hera! Caricando esso di tributi da parte dello Stato che lo annulla e che alla mente di un "genio" sarebbe parso quell'Altro - per cui solamente acquisterebbe senso che l'unico esista; anteposto persino all'essere cittadino o suddito, termini che entrambi definiscono condizioni infine potenzialmente ancor più temporanee della sua vita. E' il ripristino dell'insistenza, dell'incidenza, della ostinata esistenza stato caratteristico dell'individuo irripetibile.

La "persona...

...in senso biologico" è più rigorosamente 'individuo', in quanto la "persona in senso biologico" non è altro che 'l'aspetto corporeo', la 'massa delimitata esteriormente' dell'individuo, e quindi (in senso abbastanza "spiritualista") la sua anche pirandelliana 'maschera'.