lunedì 29 ottobre 2018

Scritto.

Questa parola che si piega o arriccia come ferro battuto ancora caldo; questa, che sale e scende come l'onda salsa; questa parola che si sfuma e cangia come colore sulla tavolozza; questa che il ritmo muta quale il vento ch'ora soffia a ponente, ora a levante, or spira lene, ed ora schianta in furia: a volte è muta, e l'uomo morto sasso.

Nessun commento:

Posta un commento