giovedì 15 novembre 2018

Insistendo...

...su di un tema, taluni esporrebbero l'opinione che non ci sia bisogno della parola di un artista figurativo à la page per sapere della diffusione della pratica di copiare: fin da quel tipo almeno del IV secolo Avanti Cristo circola la credenza che l'uomo "copi". In generale. L'artista in senso ristretto stesso copia, ricompone or consciamente membra d'opere altrui, ora invece non consciamente in un'opera "sua", e questo risultato d'arte è una proporzione variabile tra la parte emersa e quella sommersa del processo di sintesi.

Nessun commento:

Posta un commento