giovedì 31 gennaio 2019

Ospitalità.

Protezione dal subire gli arbitrii altrui non è concessione da parte dello Stato che te la accorda di metterli tu in atto.

mercoledì 30 gennaio 2019

Un piccolo errore...

...in un esordio, quando si afferma che la vita non ha inizio e non ha fine; pare almeno che persino "in generale" La vita sia destinata ad avere una fine, come ha avuto un inizio.

martedì 29 gennaio 2019

L'individualismo...

...dell'occidentale moderno è la reazione alla consapevolezza che la sua molteplice individualità (sinolità) è assolutamente indifferente al meccanismo sociale: ciò fu còlto non solo ed enunciato (spesso come un vantaggio, poiché inizialmente consentiva di uscire dalla gabbia della trasmissione ereditaria del mestiere e dunque di spezzare la rigidità di classe) da Marx, bensì anche dalla teorica non così lontana nel tempo del capitalismo. Ma ciò si è trasformato di nuovo, sebbene in maniera diversa, nell'assorbimento dell'individuo nella sua attività produttiva, nella confusione tra umanità e capacità di generare reddito; e difatti da non poco tempo dignità umana ed esercizio di una professione qualsiasi tassabile si sono identificati persino in alcune teorizzazioni in via d'espansione con radice protestante. L'autentico universalismo attuale degli stati è un universalismo erariale, significativamente - sebbene erroneamente, per una democrazia - definito "fiscale": in questo, ovviamente, scompare la differenza tra cittadino e residente, sostituita da quella tra "contribuente" e "non - contribuente". Ma se l'uomo singolo diviene unicamente un meccanismo strumentale della "società", allora l'individuo si rapporta, nella misura in cui gli sono rimaste comunque alcune libertà, alla società unicamente come insieme di strumenti che gli consentono di sopravvivere; così guardando alla massa umana "sociale", da cui emergono più o meno temporaneamente alcuni individui particolari cui si lega spontaneamente sulla base di interessi comuni od affini che gli consentono di ampliare sé stesso. Ricaduta dell'istruzione universale.

lunedì 28 gennaio 2019

Nella fisica…

...basata sul principio d'inerzia il movimento è anch'esso uno stato, nella misura in cui è un fenomeno continuo opposto alla quiete che lo interrompe, e viceversa.

sabato 26 gennaio 2019

Correzione...

...a Lineamenti fondamentali di critica dell'economia politica 231, 29 - 30. Invece di: "In quanto aspirazione - ideale, perciò - "incessante | alla forma generale della ricchezza", si riformi nell'espressione: "in quanto aspirazione generale alla ricchezza dell'individuo particolare o del particolare nucleo familiare". Si veda infatti Hegel, Lineamenti fondamentali di filosofia del diritto, Randbemerkung al § 180: "Rapporto romano. | Si vuol rendere la famiglia indipendente dalle circostanze esteriori [...] principio [...] la libera personalità (maggiorità)". Ossia libertà della persona giuridica. L'aspirazione alla ricchezza è generale nell'astrazione discorsiva ideale: nella pratica quotidiana è ben reale accumulo di beni a vantaggio se non dell'individuo, della famiglia.

venerdì 25 gennaio 2019

Contrasto?

El ingenioso hidalgo Don Qujiote de La Mancha XIII. En este pasaje: "Porque si va a decir verdad, no hace menos el soldado que pone en ejecución lo que su capitán le manda, que el mismo capitán que se lo ordena". Pero Michel Eyquem de Montaigne en sus Ensayos II vii escribe: "Il est bien certain, que la recompense de l'ordre ne touchoit pas au temps passé seulement la vaillance, elle regardoit plus loing. Ce n'a jamais esté le payement d'un valeureux soldat, mais d'un Capitaine fameux. La science d'obeir ne meritoit pas un loyer si honorable. On y requeroit anciennement une expertise bellique plus universelle, et qui embrassast la plus part et plus grandes parties d'un homme militaire, neque enim eaedem militares et imperatoriae artes sunt [como nosotros leyemos en Livio, Ab urbe condita libri XXV xix, 12], qui fust encores, outre cela de combien accomodable à telle dignité".

giovedì 24 gennaio 2019

E comunque...

...una democrazia deve combattere l'eccesso di potere dirigente delle elite, tendenti "per natura" a chiudersi in sé stesse, nonché l'esagerata concentrazione del denaro nelle mani di una minoranza sempre in via di restringimento numerico: questo anche perché un fenomeno del genere danneggia la stabilità finanziaria e politica dello Stato. Uno degli aspetti della globalizzazione che sarebbe accentuato fino al parossismo dalla nascita di un autentico stato mondiale a base capitalistica sarebbe probabilmente la concentrazione delle risorse in pochissime mani. "Aristotele" non usa il termine oclocrazia, ma dà alcune osservazioni sulle conseguenze del peso politico della folla nella Nicomachea. L'Impero Romano d'Oriente sviluppa il lungo processo di emersione cetuale dei provinciali che era già emerso cogli imperatori spagnoli ed africani od arabi etc. dell'impero romano unitario. Quell'uguaglianza era cominciata basandosi su di una piramide di diseguaglianze egalitarie volutamente svincolate dal luogo: cittadinanza romana, cittadinanza latina etc. Simile mescolanza trasversale, creando opposizioni locali entro nuclei di persone prima relativamente compatti, era in realtà lo strumento principe dell'orecchiato ma poco analizzato dai più "divide et impera": una cercata frammentazione a scopo egemonico, ma che saggiamente per i vantaggi in ultima analisi dei cittadini romani, garantiva una certa dinamicità dei ceti con profitto politico riguardo alla stabilità del potere, anche perché ogni gruppo non troppo ampio aveva i propri privilegi da difendere contro quelli aventi meno diritti giuridici. L'editto di Caracalla distrusse questa struttura volutamente complessa dove ciascuna minoranza aveva tutto l'interesse a controllare quella a lei inferiore, e l'ordine generava salita lungo la scala dei ceti sino al grado massimo, che era in realtà già nel II secolo a. C. nuovamente il vero cuore della crisi dello stato romano. L'editto citato, più di tre secoli dopo riformò queste contrapposizioni riducendole a due: la prima, quella liberi contro servi; la seconda, divites adversus pauperes. La mina che fece crollare col suo vuoto il muro della società romana - che per i cittadini romani era solo quella composta da quelli colla loro stessa cittadinanza ed eventualmente dai latini legali, de iure tutti liberi - fu infatti autenticamente quella tra i cittadini potentes e gli altri, i debiles, impossibilitati ad agire in modo libero. Questo pare essere il problema anche delle democrazie attuali: la differenza, se non la netta diversità, tra il libero arbitrio teorico e la quasi assente libertà, sottoposta a vincoli ulteriori oltre al rispetto dell'altro, come le cogenti necessità della domanda di mercato, quando essa è solo dei fatti dispiegati dal singolo, dell'agire senza essere condizionati da altro. Bisanzio non era uno stato laico, bensì uno stato in cui il potere "civile" controllava quello religioso limitandolo il più possibile al rito divino, ché all'ordinata (soprattutto) cristianità dello Stato pensava l'autorità mondana, cui tale compito era riservato. In modo diverso fu il tentativo di Carlo V in Occidente quando il Cesare orientale era ormai scomparso: l'Asburgo, attraverso prima la conservazione dell'unità religiosa degli stati teoricamente sottoposti al suo diritto universale superiore alla legittimità di secondo grado dei suoi feudatari territorialmente particolari, poi col tentativo di farli convivere tra loro e coll'Imperatore mediante il riconoscimento della differenza religiosa intercorrente fra essi, voleva garantire l'unità dell'organismo "politico" complessivo.

mercoledì 23 gennaio 2019

Bruxelles...

...era una delle sedi preferite per la corte da Carlo V d'Asburgo, ed anzi divenne pressoché fissa dal 1553; ma già un anziano Giangiorgio Trissino s'imbarcò in un viaggio verso la città nel [...]. Carlo V era il "sovrano universale". Talmente universale che per secoli è stato considerato il sovrano di nessuno proprio perché aveva qualcosa di tutti (certo, avendo tentato, nonostante una pare qual certa preferenza fiamminga, di non favorire in maniera smaccata "italiani", spagnoli o tedeschi, scontentò perciò tutti quelli che usavano l'argomento patrio a proprio vantaggio). Ad oggi è perciò molto più simbolica, non richiamando nostalgie cesariste immerse in un luogo che a lungo fu un non - luogo politico, la città di Strasburgo, contesa per decenni da Francia e Germania. Da questi due stati, appunto, che innaffiarono di sangue abbondante dei propri sudditi o cittadini l'acquisto armato della "villa" o veramente stadt nonché dintorni: ad oggi potremmo definirla quindi il simbolo dell'asse (senza maiuscola, almeno) franco - tedesco. Che poi, l'accordo tra Germania e Francia per la guida dell'Unione Europea è una sublimazione finanziario - crematistica del conflitto armato: la situazione per cui la Germania da decenni è superiore in termini di PNB sia assoluto che percentuale anno su anno non significa che la Francia abbia negli anni passati acceduto ad una abdicazione definitiva circa le proprie aspirazioni di guida finanziario - politica del Mercato Comune: la canonicità, la topicità dei riferimenti al ruolo guida francese per l'Europa nel discorso d'insediamento dell'ultimo President ascoltato e compreso da certuni direttamente in francese non solo nei palazzi, può ben essere il "velo" perfetto, poiché, a parte Parigi, non v'è capitale altra credibile per occupare il piatto opposto a quello occupato da Berlino sull'altro piatto della bilancia, specie dopo la fuga di Londra, la quale al solito ha preferito lavorare per l'equilibrio continentale chiamandosi fuori da qualsiasi coinvolgimento diretto. Comunque, nonostante certe tesi sulla "necessità" di sprecare risorse, due sedi del Parlamento non sono sensate, ed il maggior valore simbolico non v'è dubbio, esclusa dalla considerazione Aquisgrana per gli stessi motivi che si oppongono alla scelta di Bruxelles, è appannaggio di Strasburgo. Altrimenti, se avvertite dolorosamente la scarsa dimensione internazionale dell'aeroporto, fate come certi re (quali vi credete in parte a ragione: etimologicamente parlando, però, non elitariamente intendendo) i quali ebbero davvero una Corte itinerante, e sede del Parlamento divenga ciascuna capitale dei paesi membri per un anno a rotazione.

All'argomento...

...per cui, essendo il "capitale" lavoro oggettivato - ma una certa definizione di capitale include erroneamente che per esser tale esso sia in funzione dello scambio - sarebbe eterno, naturale, si potrebbe replicare colla precisazione che "il lavoro è perciò naturale; non così la relazione di sudditanza tra esseri razionali trasformatori: il lavoro può anche non essere comandato da qualcun altro e può inoltre non essere diretto da un altro (tendenza italica, esercitando una professione, ad essere "padrone di sé stesso"); può infine non essere alienato a vantaggio di un altro in cambio di denaro sotto qualsiasi forma, ma essere autoconsumato".

martedì 22 gennaio 2019

Egometismo (urbano) III.

Le città hanno bisogno dei turisti solo dopo altro, checché ne dica un tale ritenuto intellettuale importante: i centri urbani hanno prima di tutto bisogno di abitanti. Tra questi si instaurerà un circuito di scambio; di fronte ad eventuali insufficienze si svilupperà uno scambio economico coll'esterno, che genera ulteriore valore di scambio, ossia una relazione crematistica. Il turismo non è essenziale.

lunedì 21 gennaio 2019

Uno dei problemi...

...democratici attuali è appunto che non si vive esclusivamente tramite l'accessibilità digitale, ma prima colla disponibilità economica intesa nel senso più ristretto. Ed anzi nel momento in cui c'è la prima (tesi) e comunque si riduce per concentrazione sempre più la seconda (antitesi), diviene via via maggiormente chiaro che quella è insufficiente alla sintesi della libertà, dato che il cambio di rappresentanza non produce mutamento nel modello politico - crematistico tendente ad ampliare la dipendenza di un numero crescente dei più formalmente uguali da un numero sempre più ridotto di detentori della ricchezza. Questa osservazione si può applicare alla disponibilità, ancora più a monte, dei servizi, quando siano accessibili solo attraverso l'uso del denaro: di una sua quantità minima sì, ma inevitabilmente fissata al di sopra della capacità di qualcuno.

sabato 19 gennaio 2019

Dell'originalità.

Per spiegare cosa sia l'originalità, quanto labile sia particolarmente in questa organizzazione umana esaltatrice del "senza precedenti", basta citare l'esempio del "libro di sabbia": questa espressione, letta recentemente nello scritto di un ispanista, ed utilizzata per definire un'opera di Cortazar, potrebbe alla maggioranza sembrare una brillante trovata originale. Siamo sicuri? Non è che cercando bene si finirebbe per scoprire essere la citazione del titolo, cioè di una delle parti più memorabili, di un libro scritto da Jorge Luis Borges, uno dei massimamente conosciuti autori in lingua spagnola?

venerdì 18 gennaio 2019

Quando...

...si tratta di platonismo, aristotelismo ed altri -ismi, bisogna sempre esaminare come sono questi -ismi, ossia quanto variegati al proprio interno.

giovedì 17 gennaio 2019

Di nuovo II.

Dal punto di vista teorico ossia ideale, è assolutamente indifferente per il mercato editoriale che il libro nuovo sia comprato in quantità identiche al numero ufficiale di persone capaci di leggere in uno stato, per poi essere reso disponibile in biblioteca; oppure acquistato dai singoli lettori fino a raggiungere una quantità uguale alla precedentemente accennata.

La teoria...

...del lavoratore - (e non del partito -) principe, ossia quella in cui, per contrastare la tendenza del capitalismo moderno a trasformare la proposta di una partecipazione agli utili anche attraverso una partecipazione al capitale della società in un nuovo asservimento del dipendente richiamandosi ad una responsabilità dell'operaio / padrone dimezzato trova il suo limite pratico più forte nell'animo umano: in effetti l'uomo tende a separare attività di sussistenza ed attività tese allo svago: frequenta un luogo quotidianamente perlopiù in quanto necessitato a farlo per sopravvivere. Dunque formare un uomo che lavori insieme a molti altri mentre del luogo e delle attrezzature è proprietario e ne ricaverebbe a sufficienza per vivere anche senza esercitare l'attività "produttiva" connessa...questa avrebbe dovuto essere la funzione del consiglio di fabbrica, e non quella di un'opposizione dei "produttori" ai dirigenti, che d'altronde non avrebbero dovuto esistere separatamente.

mercoledì 16 gennaio 2019

Delle emozioni.

Alcuni punti. 1) Non esiste né un solo grado, né un solo modo per esprimere una o tutte le emozioni: ve ne sono vari, e si può dire quel che si vuole, l'esternazione dei "moti dell'animo" è socialmente (culturalmente) influenzata; 2) dipende a quale scopo si esterna: se solo per liberarsi di un peso, è un conto; se a fini sociali, un altro. Nel primo caso, esiste una pletora di mezzi di costruzione dell'espressione, i più quali medi tra sé ed un altro essere umano, e spesso slegati dall'emissione articolata di fiato dalla bocca. 3) posto che il fine dell'espressione sia un altro essere umano, se è vero che il silenzio provoca danni interni ed esterni - e: a) non è detto che chi, altro dal soggetto, riceve il danno, comunichi la situazione, oppure b) che chi dovrebbe cogliere la comunicazione del danno inflitto dalla propria mancata esplicitezza, abbia gli strumenti per interpretarla - è altresì vero che l'immancabile espressione non è detto approdi a risultati socialmente positivi: talvolta la risposta che si ottiene avrebbe reso preferibile il silenzio quando non la totale inattività. Ossia anche l'espressione provoca danno, non solo a sé, ma pure agli altri. In un grado estremo di socialità, come uno in cui viene prima non infliggere danno all'altro da sé...

martedì 15 gennaio 2019

Distinguere...

...tre nessi operativi, discipline: 1) economia (gestione del bilancio della casa); 2) crematistica (gestione del bilancio dell'impresa privata); 3) finanza (gestione del bilancio statale. Escludere la parità essenziale, istituzionale, tra impresa privata e Stato, la visione per cui l'impresa privata non è uno stato - colla minuscola - temporaneo riconosciuto dal diritto dei vari Stati in cui opera fin tanto che questi ne riconoscono la validità (cioè finché il perseguimento del suo fine particolare non danneggia eccessivamente la prosperità generale dei cittadini), bensì uno Stato, di dignità equiparabile all'entità di gestione di un territorio sottoposto ad imperio, tanto più se democratico.

Comunque, se...

...l'irregolare (secondo quali parametri?) viene "elevato" a norma, può l'elideista dirvi una menoma cosa? In quel momento l'irregolare è mutato in regola. Infatti oggi non si ha tanto l'elevamento dell'irregolare a norma generale, ma la coesistenza fra diverse norme assunte come regola da gruppi limitati. D'altra parte non ci si può stupire di un simile accadimento: da una parte è il risultato positivo della mentalità democratica; dall'altra è il portato di una società occidentale ossessionata dalla specializzazione, che è, al nòcciolo, circoscrivere l'utilizzo di determinati metodi ad operazioni o concatenamenti di operazioni particolari. Potremmo anche usare l'immagine di una molecola, le cui subparticelle sono altamente attive solo a condizione che la forza di questa attività sia limitata entro la molecola stessa, con trasmissione della forza minima o nulla all'esterno.

lunedì 14 gennaio 2019

Galiani, Della moneta...

...pagina 99, righe 16 - 19: "Niente è da sperar meno in questo mondo che una perpetua stabilità, e fermezza; perché questa ripugna intieramente agli ordini tutti e al genio istesso della natura". Successivamente, il "costante ritorno", ma non ad intervalli precisi (che si potrebbe dire "periodi").

sabato 12 gennaio 2019

Commento...

...a Lineamenti fondamentali di critica dell'economia politica 374, 6 - 7: "Dunque la collettivizzazione dei mezzi di produzione, nella società comunista compiuta secondo Marx, dovrebbe approdare ad una produzione, perciò prodotto reale, che sarebbe stata combinazione volontaria di produzioni individuali, senza sottomissione ad un'altra volontà rispetto a quella dei produttori".

venerdì 11 gennaio 2019

Nell'adagio italico...

..."io ti ho messo al mondo ed io ti ci tolgo", lo stato democratico attuale ha giustamente escluso il diritto di un individuo a sopprimere la vita altrui contro la volontà dell'eventuale paziente; ma ha conservato persino all'estraneo, anche totale sconosciuto, quello di preservarla in opposizione alla volontà del soggetto: non per "umanità", bensì onde tutelare la capacità tributaria attuale o futura dell'individuo aspirante suicida a vantaggio dello stato stesso.

giovedì 10 gennaio 2019

Ora...

...nonostante la crescente considerazione della letteratura in lingua inglese (molti autori gallesi scozzesi ed irlandesi - ossia fino al 1921 statalmente britannici - nonché statunitensi hanno pur scritto in inglese, e sono gli unici i cui volumi siano grifagnamente tra gli artigli ghermibili in lingua originale in cittadine medie la cui dotazione di biblioteche si può tra l'altro descrivere come una specie di giardino dell'Eden rispetto a centri urbani "comparabili"), è più che altro la provincialità di un complesso più ampio, il quale ammette nell'uso da una parte "anglismi" a sproposito (spesso ortograficamente "quasi" crude forme latine che la grettezza scambia per invenzioni albioniche) a definire qualsiasi cosa, che innervosisce persone a caso. Con "a sproposito", s'intende in sostituzione di termini altrettanto pregnanti della propria lingua madre o di una delle lingue ufficiali nel paese anche più brevi di quelle della lingua alla moda, che invece viene utilizzata in quel luogo. Non appare per esempio comprensibile quale sia il motivo di purismo che spinge un estensore di articolo, in questo clima definito da taluni esterofilo, a scrivere eremiti sociali per definire quei giovani e meno giovani i quali per una serie di motivi - primo fra tutti il bullismo fisico e / o psicologico - si rinchiudono in casa quando non in una stanza sottraendosi al balletto delle relazioni interpersonali, quando una "sana" e pratica esterofilia aiutante la sintesi, precipua virtù gazzettistica, proporrebbe l'uso estremamente tecnico e brevificante del nipponismo "hikikomori". Chi sta bisbigliando: "non è inglese" e dunque conferma l'idea di un cosmopolitismo a senso unico, dalla veduta ristretta? S'intende scusato l'autore che usa il termine non appartenente ad una delle lingue ufficiali del paese solo perché sul momento non rammenta: ricorso alla copia; ciò sta a dire che un autore utilizzante la parola di una lingua ufficiale del paese inserita in un testo prevalentemente in un'altra lingua ufficiale non commette un crimine di lesa maestà letteraria, quando non ecceda.

mercoledì 9 gennaio 2019

Il pregiudizio...

...della socialità necessaria è appunto un pregiudizio tipico dell'uomo, dovuto all'incapacità del singolo di essere in modo totale autosufficiente.

martedì 8 gennaio 2019

Espresso in breve:

"Obiettivo del comunismo marxiano, per l'ermeneusi dell'elideista - o quantomeno di uno - è l'eliminazione del bisogno economico come movente primo delle relazioni sociali".

lunedì 7 gennaio 2019

Se seguissimo...

...Pokorny (IEW 658), dovremmo mettere in rapporto la religione colla legge, nel senso che sarebbe in varii modi una "raccolta". Lex è una raccolta di norme (tradizioni) concernenti i rapporti fra esseri razionali visibili compresi in una comunità almeno parziale di interessi nell'agibile (circa il termine, si veda per esempio certo uso che ne fa Tommaso d'Aquino nelle disputatae); religio il medesimo, ma là dove l'uomo è solo passivo. Una comunità di pazienti, dunque anche in ciò raccolti e legati, che attraverso il culto pur esso tradizionale tentano di influenzare (influenzano, secondo quanto reputato) gli atti di potenze superiori in proprio favore.

sabato 5 gennaio 2019

Tenemos...

...necesidad de determinar la condicion generica de una obra?

Ancora sul romanzo non - fiction (II).

...s'intende che il romanzo dovrebbe essere scritto integralmente nella lingua del paese d'ambientazione, salvo scene tra personaggi di provenienza statale diversa: in tal caso, od uno di essi viene finto competente nell'uso orale della lingua dell'altro, od entrambi sono rappresentati capaci di utilizzare una lingua franca comune.

venerdì 4 gennaio 2019

Inutilità...

...delle virtù teologali e la sufficienza delle cardinali: soprattutto la prima virtù teologale non è altro che un covo di mali effettivi. La seconda non ha bisogno della fede; e la terza è sempre stata esercitata su quei prossimi che ne fossero ritenuti degni. Astenersi dall'esercizio della violenza è semmai il passo fondamentale.

giovedì 3 gennaio 2019

Citazione...

...fondamentale dalla Sinistra hegeliana che altri avrebbero superato: "lo stato è il suo prodotto, non il suo signore". "Der Staat ist sein Product, nicht sein Herr". Arnold Ruge, Das liberale Bewusstsein.

mercoledì 2 gennaio 2019

Se la convinzione...

...di un "gentiluomo" è quella che essere governato da un gruppo di gentiluomini sia meglio che essere invece governato da un uomo solo, benché l'autocrazia sia male, alla fine la teorica dell'essere per altri non sfocia realmente in un mediato essere per sé? Teniamo conto che un regime aristocratico, invece che perpetuarsi per adozione, tende a scegliere la trasmissione per schiatta (Guinizzelli), e dunque l'aristocrazia tende a confondersi con l'oligarchia, a prendere nei fatti la forma sclerotizzata di quest'ultima. Anche una plutocrazia propende per una trasmissione familiare della ricchezza e dunque del potere.