mercoledì 2 gennaio 2019

Se la convinzione...

...di un "gentiluomo" è quella che essere governato da un gruppo di gentiluomini sia meglio che essere invece governato da un uomo solo, benché l'autocrazia sia male, alla fine la teorica dell'essere per altri non sfocia realmente in un mediato essere per sé? Teniamo conto che un regime aristocratico, invece che perpetuarsi per adozione, tende a scegliere la trasmissione per schiatta (Guinizzelli), e dunque l'aristocrazia tende a confondersi con l'oligarchia, a prendere nei fatti la forma sclerotizzata di quest'ultima. Anche una plutocrazia propende per una trasmissione familiare della ricchezza e dunque del potere.

Nessun commento:

Posta un commento