martedì 26 marzo 2019

"Proprietà" umana elideista.

Paradossalmente, se ho diritto mio proprio ad esistere in quanto insisto, ho diritto anche a privarmi, io e soltanto io, della proprietà mia ultima, che è la vita. E' proprio perché posso togliermi quella vita che è composta delle conoscenze ed esperienze che soltanto io ho combinato in quel modo, che nessun altro può togliermela. Anche quelle che sono state scelte dai miei genitori etc. prima che potessi esercitare la mia libertà sono nella loro sistemazione diverse da quelle di tutti gli altri, poiché i soggetti che hanno interagito per comporla sono unici e la composizione della loro interazione lo è altrettanto, come il modo in cui il soggetto ricevente ha ricombinato quanto immesso, esplicitamente o meno. La stessa "imperfezione" umana garantisce la varietà.

Nessun commento:

Posta un commento