mercoledì 8 maggio 2019

"Mettere"...

...del tutto "a tacere sé stessi", anche volendo condurre in scritto un giudizio dettagliato di opera altrui, è impossibile: tutta la tua cultura, la tua educazione, la tua vita - o la stessa trinità, che alcuni riterrebbero identità, disposta in ordine inverso - urlerebbe da dentro il proprio feroce dolore per la costrizione, e poi si infiltrerebbe comunque da qualche poro. L'onestà è non farsi sopraffare del tutto dai propri gusti individuali, tentare d'essere consciamente il più oggettivo possibile.

Nessun commento:

Posta un commento