sabato 13 luglio 2019

Dai "quaderni"...

...(111) 114 e (106) 109 di annotazioni ai Grundisse marxiani, edizione italiana. {pagina 113, 12 - 4: "così come in origine il prodotto trasfor|mato [sottolineatura mia: nota] in valore di scambio, se non viene realmente scambiato, cessa di essere prodotto"}. In senso marxiano. Di certo non in senso etimologico. Si può dire dunque che è sbagliato in un senso. Ma anche in senso più latamente economico, l'oggetto prodotto non cessa di essere tale, poiché disponibile per l'autoconsumo: "regredisce" dunque a valore d'uso; la sua qualità di prodotto è tale non come oggetto di scambio, ma perché: a) sempre oggetto; b) sempre consumabile fino alla distruzione (Hegel). Tale oggetto non si deoggettifica, e non diviene "improdotto", neppure se inizialmente pensato per lo scambio, perché è sempre oggetto, ossia mi giace avanti; allo stesso modo, essendo tratto con un lavoro in una forma, è valore d'uso non - inerte}.

Nessun commento:

Posta un commento