lunedì 28 ottobre 2019

Lo studio...

...maniacale o quasi dei cosiddetti minori (maniacale vuol dire "a strati", dalle idee - per esser brevi - intese in senso generale giù sino alle giunture tra parole singole ed il ricorrere dei suoni alla ricerca delle variazioni che si nascondono sotto quelli che sono definiti universali, l'essenza, la "sostanza") riconferma nell'elideista la fondamentalità di questi ultimi, prima di tutto perché più testi (e dunque anche più autori) considerati oggi secondari, quando non abbandonati ancora più in profondità, hanno attraversato un periodo di varia lunghezza o brevità in cui furono ritenuti importanti e nutrirono l'esposizione di quanto fu pubblicato in seguito, opere comprese dei "grandi" attuali, tra cui alcuni scompariranno senza dubbio totalmente in futuro.

Nessun commento:

Posta un commento