venerdì 6 dicembre 2019

L'alter ego...

...è importantissimo in letteratura. Dato che dietro ogni personaggio c'è comunque l'autore (o gli autori), il "racconto" (esplicitamente) "autobiografico" è pressoché inutile. Indubbiamente poi nessun personaggio è mai totalmente l'autore, un suo replicante integro, e dunque il lettore scorrendo la pagina si confronta via via con una serie di homunculi, rispecchiamenti in qualche parte distorti, come il paesaggio che li circonda, il quale può essere un "mondo", un "libro" simile alla Firenze degli anni Quaranta del ventesimo secolo dopo Cristo ovvero alla Hyboria di Robert Ervin Howard, delle esperienze (tutte le esperienze, non solo quelle dirette) dell'autore.

Nessun commento:

Posta un commento