sabato 25 gennaio 2020

Voi probabilmente immaginate...

...che nella cultura elideisticamente mediterranea di un certo lasso di secoli accettare un anello di fidanzamento nella sua funzione originaria era accettare di dare la propria parola, teoricamente significa fare una promessa di matrimonio - il quale a sua volta nel diritto canonico ancora, in quello civile fino a non tanto tempo fa era una legame esclusivo sino alla fine della vita di entrambi -: Dizionario etimologico della lingua italiana volume II, alla voce fidanza, prima attestazione 1898; fiancer francese (1283) a *Fidanciam dal latino *fidare per fidere. Fidanzamento è quell'insieme di atti (nella sua massima manifestazione alcuni li racchiuderebbero sotto il termine "cerimonia") per cui si dà la propria fede - non in senso confessionale, ma "originario", come spiegato anche precedentemente su questo sito altrove - sul fatto che sposerai l'altro individuo, a meno che non muoia prima del rito. Poi altra questione è che la fede sia ritenuta assai più vincolante per la parte femminile, come anche voleva il "buon" Hegel pure farneticando di onore che la donna riceverebbe dalla semplice manifestazione di interesse da parte di un maschio qualsiasi, marxianamente "indifferente".

Nessun commento:

Posta un commento